Gran Casinò
Gran Casinò Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
Gran Casinò
NUOVA PRODUZIONE
SUL GIOCO D'AZZARDO

24/10/17
h 11.30

Merano (BZ)
Auditorium Scolastico "Gandhi"
Via Karl Wolf, 38

25/10/17
h 11.00

Bolzano (BZ)
Auditorium Pascoli
Via Deledda Grazia 4

27/10/17
h 21.00

Conegliano (TV)
Auditorium Toniolo
Via Galilei
"L'azzardo è un cancro sociale" dichiara Papa Bergoglio, che lo definisce “un flagello al pari del narcotraffico”.

Tanto nelle grandi città quanto nelle province, assistiamo ad una proliferazione dell’offerta del gioco d'azzardo legale, sostenuta da una promozione pubblicitaria sempre più massiccia e aggressiva.

A Milano, non c'è zona in cui non campeggi dalla facciata di un palazzo il faccione sorridente di qualche lotteria istantanea o sala slot virtuale o reale... Persino sulle bustine di zucchero si trovano i numeri dell'ennesima lotteria!

Se è vero che sempre più associazioni e cittadini  chiedono con determinazione alle Istituzioni di regolamentare il settore, ponendo dei limiti all’offerta del gioco, è pur vero che spesso ci si dimentica di indagare la composizione delle Commissioni chiamate a definire le regole. Ex politici, che hanno collaborato a stabilire le regole dei giochi saltano la palizzata e vengono assoldati dalle Concessionarie; Manager delle multinazionali dell’azzardo vengono candidati al Parlamento puntando ad incarichi nella gestione politica del settore. Una babele del business ad ogni costo. E il costo lo sappiamo è elevatissimo: crisi familiari, perdita del lavoro, attiviità illegali, debiti, usura, costi sociali inestimabili.

Di fronte alla latitanza di certe Istituzioni ci sono moltitudini di cittadini che, riuniti in libere organizzazioni, insieme anche al mondo della scuola, collaborano a costruire argini culturali a questo fenomeno.


Questo spettacolo, dal canto suo, si offre come strumento di comunicazione emotiva e al contempo razionale per stimolare l’indignazione e creare consapevolezza.

Galleria Video