Itineraria Teatro
CHI SIAMO
La Compagnia ITINERARIA TEATRO fin dal 1994 produce e realizza solo spettacoli di Teatro Civile a livello nazionale dando vita annualmente a 130/140 rappresentazioni in varie regioni d’Italia, in collaborazione con Amministrazioni comunali, Scuole, Università, O.N.G., Parrocchie e Associazioni culturali.
Gli spettacoli di ITINERARIA TEATRO portano in scena tematiche di attualità sociale e civile con testi di denuncia strettamente ancorati all'attualità e continuamente aggiornati da un affiatato gruppo di lavoro formato da uno storico, un giornalista, un drammaturgo e, di volta in volta, esperti dei diversi argomenti trattati.
Gli attori in scena non si fingono personaggi irreali, ma con la propria credibilità e la propria arte conducono il pubblico in un percorso affascinante e appassionato verso una comprensione sia emotiva che razionale della tematica affrontata.
Lo staff organizzativo, l’ufficio stampa e il grafico pubblicitario di ITINERARIA TEATRO lavorano al fianco della Compagnia per agevolare la risoluzione di ogni problema relativo alle tournée, mentre la gestione amministrativa è delegata ad uno studio professionale specializzato.

STORIA DELLA COMPAGNIA:
Voci dalla Shoah”, un recital che raccoglie le testimonianze di Goti Bauer, Liliana Segre e Nedo Fiano, sopravvissuti del campo di sterminio di Auschwitz, apre la strada nel 1994 alle successive produzioni del filone storico; “Dove è nata la nostra Costituzione” che intreccia le biografie di quattro padri costituenti con gli eventi che portarono alla nascita della nostra carta fondamentale; “La vergogna e la memoria” che affronta il periodo che va dalla genesi del fascismo alla lotta di Resistenza; “Bambini esclusi” prodotto in collaborazione con UNICEF sulla condizione dell’infanzia nel mondo e replicato in tutta Italia grazie al contributo della Regione Lombardia e delle Fondazione Cariplo; “Mia terra, patria mia” che ancora una volta dà voce a chi voce non ha, affrontando la situazione Palestinese.
H2Oro – l’acqua un diritto dell’umanità”, spettacolo sul tema del diritto all’acqua, ha segnato una svolta nella modalità teatrale della Compagnia, con una messinscena a metà tra il teatro civile e l’inchiesta giornalistica, in cui la varietà dei linguaggi e degli strumenti porta lo spettatore a prendere coscienza della situazione indignandosi e al contempo divertendosi.
Sulla scia di “H2oro” sono nati poi “Q.B. Quanto Basta” sui temi dell'alimentazione e la tutela dell’ambiente; “Identità di carta” sul razzismo e la condizione dei migranti; “Tre con una mano sola” sulla biografia del pittore Bruno Carati, tetraplegico che senza l’uso delle mani e delle gambe guida la propria automobile, incredibile a dirsi, con la bocca; “Stupefatto” sulle dipendenze e l'abuso delle droghe tra i giovani, “Sbankati” sul tema della crisi finanziaria mondiale, la speculazione economica e la finanza etica, per giungere all’ultimo nato: “Gran Casinò - Storie di chi gioca sulla pelle degli altri” sul tema del gioco d’azzardo, che spiega i meccanismi che hanno portato il nostro Paese ai vertici delle classifiche mondiali dell’azzardo, con la lunga scia di sofferenze che ne deriva. Questo spettacolo nel settembre del 2017 è stato recitato da ITINERARIA TEATRO a Roma a Palazzo Montecitorio, alla Camera dei Deputati, e nel giro di pochi mesi è giunto alla centesima replica, coinvolgendo numerosissime platee di adulti e di studenti.

Targhe Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e successivamente Giorgio Napolitano hanno voluto sottolineare l'impegno civile e sociale di ITINERARIA premiando la Compagnia teatrale con due targhe d'argento e una medaglia.
Alcuni di questi spettacoli hanno poi ottenuto anche il Patrocinio delle Politiche Sociali, del Ministero della Pubblica Istruzione e dell'Università e il Patrocinio della Regione Lombardia.
Componenti della compagnia

Galleria fotografica
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro
Itineraria Teatro